header_neve.jpg
Sei qui: Home Uffici Comunali Segreteria Avvisi Letti a Kastello 2014
Stampa  E-mail 
Giovedì 19 Giugno 2014 06:45

Questo articolo è stato letto: 2381 volte

Letti a KastelloLa Keller Editore, con il patrocinio del Comune di Isera, vi propone nel solstizio d'estate una serata di letture, reading e musica per brindare insieme all'arrivo della bella stagione. Nel magnifico scenario di Castel Corno di Isera (TN), a partire dalle ore 19.00 di venerdì 21 giugno, vi aspettiamo per alzare i calici e voltar la pagina. Novità di quest'anno l'evento "Letto in Kantina" per il 20 giugno ad ore 20.30, presso la Cantina d'Isera, incontro con lo scrittore ucraino Andrei Kurkov per discutere su quanto sta accadendo in Ucraina. Questa è la vostra notte: in tutta Europa editori, librai e lettori stanno facendo festa come noi con Letti Di Notte.
N.B. Letti a Kastello non si sovrappone alle partite della nazionale di calcio!

Letto in Kantina

Vento d'Ucraina.
Incontro con Andrei Kurkov.

Il più importante scrittore ucraino, tradotto in tutto il mondo, racconta cosa sta accadendo nel suo Paese. In questi giorni il suo "Diari ucraini" sta arrivando nelle librerie di mezza Europa e USA, tradotto in lingua francese, inglese e tedesca. A settembre in Italia per Keller.

LUOGO:Cantina d'Isera

Cantina D'Isera
Via al Ponte, 1
38060 Isera (TN)
Italia

Letti a Kastello 2014

ULTIMA SERA, ore 19 (15')
Lettura da "Ultima sera" di Arno Camenisch (Svizzera)
È notte in montagna, e piove. Piove come non pioveva da anni, piove anche se dovrebbe nevicare e l'acqua che scende dal cielo sembra volersi portar via tutto.
Con questo tempo da lupi, l'osteria Helvezia - in procinto di chiudere per sempre - accoglie come un'arca tutti gli abitanti, le loro storie, la loro sete, i loro ricordi.
Inizia così un viaggio magico, malinconico e gioioso, pieno di suoni e presenze, di vivi e di morti, di sorti propizie e avverse, destinato a non finire finché c'è un bicchiere pieno e un racconto vola nell'aria.
Con Ultima sera Camenisch ci riporta alle cose essenziali, agli alti e bassi dello stare al mondo, a ciò che scompare e solo la forza dell'oralità è in grado di far rivivere. Così la notte non è mai notte e non c'è pioggia tanto intensa da cancellare le nostre tracce.

À LA JULES ET JIM , ore 19.30 (15')
Chi racconta cosa. "L'ultimo giorno prima di domani" di Eduard Márquez (Catalunya)
«Francesca ci trascina fin sotto al palco.
Qui staremo alla grande.
Tira fuori dalla tasca una bustina di anfetamine, ne prende una con un sorso di birra e ce la passa. È proprio uno sballo.
Il concerto parte a tutto volume con We're Gonna Have a Real Good Time Together e Francesca balla come se qualcuno l'avesse attaccata alla corrente.
Patti Smith, con un fiore tra i capelli, scuote la testa da una parte all'altra, salta come un'ossessa, agita le braccia senza sosta.
Come se volesse assorbire tutta l'energia che si sprigiona da quel corpo asciutto, Francesca la segue con gli occhi sbarrati.
Il suono sporco, aspro, violento, mi colpisce allo stomaco.
Fa un caldo asfissiante.
Roberto mi sorride con i capelli incollati al viso.
Francesca si avvicina e ci abbraccia. Ci dice qualcosa che non riusciamo a sentire».

OSTERIE, ore 20 (15') - PAROLA ALL'AUTORE
di e con Andrea Nicolussi Golo (Trentino)
Andrea Nicolussi Golo lavora all'Istituto Cimbro di Luserna. Da dieci anni scrive in lingua cimbra su quotidiani e riviste.
È accademico del Gruppo Italiano Scrittori di Montagna (GISM). Nel 2011 gli è stato assegnato il prestigioso premio "Ostana Scritture di Minoranza" alla sua terza edizione, già attribuito negli anni precedenti a Carlo Sgorlon e a Boris Pahor.
Nel 2013 su autorizzazione di Einaudi Editore ha dato alle stampe la traduzione in lingua cimbra del capolavoro di mario Rigoni Stern "Storia di Tönle" facendosi apprezzare sia dai parlanti dell'antica lingua sia dagli estimatori del Grande di Asiago. Nel 201 ha pubblicato "Guardiano di stelle e di vacche" e nel 2014 "Diritto di memoria", entrambi per Edizioni Biblioteca dell'Immagine.

CONFINI, ore 21 (15') - PAROLA ALL'AUTORE
di e con Andrei Kurkov (Russi-Ucraina)
Andrey Yuryevich Kurkov nasce il 23 aprile 1961 in un paese nell'area di Leningrado. Nel 1983 si laurea a Kiev presso l'Accademia pedagogica di Lingue straniere. È scrittore ucraino che scrive in russo. Vive a Kiev, inizia a scrivere fin da piccolissimo e ha un hobby particolare, colleziona cactus... a 12 anni possiede la settima collezione di cactus dell'Ucraina. Per un periodo lavora come giornalista, compie il servizio militare come guardia carceraria a Odessa, poi si occupa di cinema, sceneggiature e romanzi di successo.
È autore di tredici romanzi (che hanno spesso protagonisti animali: un topo, un camaleonte, un pappagallo...) e di cinque libri per bambini. Il suo lavoro è tradotto in decine di lingue tra cui inglese, giapponese, francese, cinese, svedese ed ebraico.
I suoi romanzi sono editi in Italia per Garzanti: L'angelo del Caucaso, I pinguini non vanno in vacanza e L'ultimo amore del presidente.
A settembre uscirà per Keller il reportage "Diari ucraini" e a ottobre "Il controllore del popolo" che ci conduce con Pawel Dobrynin in un viaggio attraverso l'Unione Sovietica assieme a personaggi insoliti. Un grande romanzo "russo" condito con la solita fantasia e lo humour nero di Kurkov.

LINGUE, ore 22 (15')
Lettura da "Ai margini della ferita" di Sepp Mall (Alto Adige-Südtirol)
Sono gli anni Sessanta e in Alto Adige si cresce divisi, a seconda che si parli la lingua della libertà, il tedesco, o quella dei condomini di Harlem, l'italiano. Sono gli anni in cui due ragazzini immaginano di andare a Milano e sedersi a fianco di Mazzola sull'autobus, ma anche e soprattutto di essere in campo nella partita della domenica. Sono le prime sigarette e i baci rubati nel buio del cinema, sperando che nessuno venga a sapere che quella ragazza, insomma, è una "italiana". Nel frattempo il padre di uno di loro è prelevato improvvisamente di notte dai carabinieri, la madre piange lacrime nel grembiule e la sorella s'innamora di un soldato italiano. Nella stessa città ci sono anche Alex e la sorella che si prende cura anima e corpo di lui. Lei da sempre riempie le frasi tartaglianti di lui, gli fa da interprete e lo protegge. Eppure ora lo guarda impotente fare strane amicizie che lo portano lontano...
Con questo romanzo delicato e commovente, dolente e bellissimo, Sepp Mall ci permette di avvicinarci e comprendere almeno un po' le vicende e i tormenti di una terra divisa come il Sudtirolo e di una città troppo stretta per tutti.

FABBRICA, ore 22.30 (15') - PAROLA ALL'AUTORE
di e con Stefano Valenti (Italia) - Premio Campiello Opera Prima 2014
Stefano Valenti ha tradotto numerosi libri sia di narrativa sia di saggistica per diverse case editrici (fra cui Questo non è un Manifesto di Michael Hardt e Antonio Negri, Feltrinelli, 2012 e Invecchiando gli uomini piangono di Jean-Luc Seigle, Feltrinelli, 2013). Ha pubblicato con Feltrinelli "La fabbrica del panico" (2013), il suo primo romanzo, vincitore del Premio Campiello Opera Prima 2014. Per i "Classici" ha tradotto Germinale (2013) di Émile Zola e Il giro del mondo in ottanta giorni (2014) di Jules Verne.

CORPO, ore 23 (15')
Chi racconta cosa. "Nei suoi occhi verdi" di Arnošt Lustig (Repubblica ceca)
Hanka ha capelli ramati e occhi verdi. Il giorno in cui arriva a Auschwitz-Birkenau con i genitori e il fratello. Hanka è ebrea, ha 15 anni, ma finge di essere diciottenne e ariana. Ora si chiama Bambola ed è una delle prostitute più giovani del bordello Nr. 232 Ost sul fronte orientale. Sulla pancia porta tatuata la parola Feldhure, puttana da campo. Inizia così il lungo calvario di Hanka che combatte il freddo e la fame, la paura e la vergogna, sostenuta dal desiderio indomito di sopravvivere, costi quel che costi, e da una fiducia che non verrà mai meno.
Lustig è uno dei più importanti esponenti della letteratura ceca, un protagonista del Novecento. Nei suoi occhi verdi è un romanzo straordinario - tradotto in numerose lingue - che porta il lettore nel mondo di Hanka, lo fa combattere con lei, partecipe di un profondo senso della speranza e della trascendenza.

SIBERIA. ISTRUZIONI PER L'USO, ore 24 (15')
Lettura da "Febbre bianca" di Jacek Hugo-Bader (Polonia)
Pensavate che attraversare la Siberia in treno fosse una esperienza indimenticabile? Immaginate cosa sarebbe farla lontano dai soliti itinerari, da solo, in macchina, in pieno inverno, senza un'arma per difendersi... Volete capire la Russia profonda? O anche solo avere materiale per sognare? Questo è il libro adatto.
Questa è la storia di un viaggio come nessun altro: Jacek Hugo-Bader si avventura attraverso la Siberia, da Mosca a Vladivostok, in pieno inverno. Viaggiando da solo su una jeep russa modificata, attraversa un continente che è grande due volte e mezzo l'America, pieno di banditi e dove le strade lo sono solo di nome.
Lungo la sua odissea, Hugo-Bader scopre grandi tragedie umane, ma anche un inatteso humour nero tra i pastori di renne, le tribù nomadi, gli ex hippy, gli sciamani, i senzatetto e i seguaci di alcune delle molte religioni arcane che ancora fioriscono in questa terra isolata e incredibile.

DENARO, ore 00.30 (15')
Chi racconta cosa. "I cani volano basso" di Alek Popov (Bulgaria)
Una scatola nera piena di cenere è tutto quello che resta del padre di Ned e Ango Banov, due fratelli bulgari assai diversi tra loro. Sono passati quindici anni da quando lui, un matematico in bilico tra genio e alcolismo, è morto in circostanze misteriose negli Stati Uniti. Nel frattempo i fratelli hanno portato avanti la loro vita, Ned s'è trasferito oltreoceano e ha fatto strada nel mondo di Wall Street; Ango invece, accantonata la carriera di editore, ha vinto una Green Card e ora si ritrova a portare a spasso i cani dei ricchi newyorkesi.
Ma nella vita il vento cambia... Ned rischia tutto su un presentimento del leggendario broker Soros, Ango rimane immischiato nello scontro tra i sindacati di dog-sitter, e la figura del padre ricompare misteriosamente.
Alek Popov - acuto, leggero, divertente e ironico - riesce a smascherare i meccanismi che regolano l'economia e la società capitalistica, e gioca con la realtà e il paradosso regalandoci un romanzo travolgente.

SPARI NELLA NOTTE, ore 1 (15')
Lettura da "Uomini in guerra" di Andreas Latzko (Ungheria)
A pochi giorni dal Centenario della Prima guerra mondiale noi vi regaliamo l'incipit del primo romanzo (1917) di denuncia del massacro del del '14-'18. Con una nuova traduzione realizzata per l'occasione. Un romanzo scomodo che venne bandito dalle potenze belligeranti e che venne anche bruciato dai nazisti nel rogo dei libri

ISOLE, ore 19 - 1
MITTELWOOK, vini e libri della Mitteleuropa con Imperial Wines e Proposta vini
Culture e tradizioni non hanno mai seguito i limiti delle frontiere: ce ne siamo accorti guardandoci attorno, parlando, mangiando e bevendo. Nel suo essere potentissimo descrittore dell'uomo e del territorio, il vino ci ha mostrato meglio di qualsiasi altro elemento i fili che corrono tra i monti, le valli e le colline di questa grande regione europea.
Nei territori mitteleuropei, un tempo parte della multinazionale "monarchia danubiana", riconosciamo quindi ancora oggi gli echi di una storia più lunga. Spesso segni fragili, talvolta tracce profonde e distinguibili. Storie, territori, vini e vignaioli ... i fattori di una diversa narrazione di questa Europa in costruzione.
Imperial Wines vuole essere uno spazio di conoscenza e scambio tra vignaioli e appassionati di vino dei territori dell'Europa di mezzo. Uno spazio aperto e partecipato, attraverso il quale offrire strumenti di analisi e contenuti che contribuiscano a mettere in rete i saperi, le storie, i progressi di tutti.

Appuntamento al buio! ...

Proposte di lettura

Pesca la frase

Come arrivareMappa per arrivare a Castel Corno

Da Isera (lungo la Strada Provinciale 90 vicino a Rovereto) seguire le indicazioni per Lenzima e Patone (Strada Provinciale 45).

ACCESSO CON CAMMINATA DI 20-25 MINUTI: raggiungere il parcheggio dopo l'abitato di Lenzima e proseguire a piedi.

ACCESSO CON BUS NAVETTA: seguire la direzione Patone e Castel Corno fino al parcheggio, quindi con bus navetta gratuito (dalle ore 18.15 a fine manifestazione). Breve tratto a piedi (5/10 minuti) fino al castello.

Istruzioni per l'uso

  •  Portate con voi pila o luce frontale per rientro al buio

  •  Scarpe adatte a breve tratto a piedi

  •  Abbigliamento per la sera

  •  Tanta curiosità e voglia di stare con noi.

LETTORI SCATENATEVI!

Questa notte in tutta Italia editori, librai e lettori stanno facendo festa come noi... Scatenatevi anche voi.
Questa è la vostra notte...

In caso di pioggia

L'evento è spostato nel cortile interno del Municipio del Comune di Isera (via Ravagni).

In caso di tempo incerto

Per le ore 16 comunicheremo se faremo l'evento a Castel Corno o nel cortile del Municipio di Isera sul sito www.kellereditore.it

Evento collegato a "Letti di Notte" (vedi sito di Letteratura Rinnovabile), librai e lettori scatenati con la partecipazione della "Libreria Ancora" di Trento e con il patrocinio del Comune di Isera.

 

Allegati

Twitter#CastelCorno - # Hashtag Twitter

Twitter#LettiAKastello - # Hashtag Twitter

ShareThisKeller Editore - website

ShareThisLetteratura Rinnovabile - website

Twitter@KellerEditore - Twitter

Twitter@Letrinnovabile - Twitter

Facebookkeller.editore - Facebook

Twitter@Lettidinotte - Twitter

Facebookletti.dinotte - Facebook

FacebookLetti di Notte 20/21 giugno con KELLER EDITORE - Evento Fb


Ultimo aggiornamento :
Venerdì 20 Giugno 2014 12:00