header_chiesa.jpg
Sei qui: Home
Stampa  E-mail 
Mercoledì 11 Marzo 2015 11:20

Questo articolo è stato letto: 1068 volte

L'Amministrazione Comunale in attuazione di quanto disposto dagli artt. 81-82 del Regolamento di Polizia Mortuaria, approvato con deliberazione consiliare n. 23/2012 di data 31 luglio 2012, informa che a breve, essendo compiuto il periodo di rotazione nel cimitero di Isera, saranno interessati ad esumazione ordinaria i cippi n. 60-61-62-63-64-65-66-67-68. Ulteriori informazioni nell'avviso e mappa allegati.

 

Per ulteriori informazioni contattare il funzionario incaricato dell'Ufficio Anagrafe Comunale

sig.ra Gazzini Chiara
0464 487095

Articolo 81 - Esumazioni e estumulazioni delle salme

  1. Le esumazioni e le estumulazioni ordinarie e straordinarie possono essere eseguite in qualsiasi periodo dell'anno senza la presenza di personale dell'APSS, salvo quanto previsto al comma 2

  2. Se necessario, l'APSS supporta, fornendo pareri e indicazioni, l'adozione di misure precauzionali aggiuntive alle normali cautele igienico-sanitarie da adottare nelle operazioni di esumazione o di estumulazione e su richiesta del comune in casi specifici assicura la presenza di personale sanitario alle operazioni medesime.

  3. Le operazioni verranno svolte previa chiusura al pubblico del cimitero.

Articolo 82 - Esumazioni ordinarie e straordinarie

Le esumazioni sono ordinarie e straordinarie.
Le prime si fanno allo scadere del periodo normale di rotazione. Con l'occasione devono essere rimosse anche le lapidi di un congruo numero di fosse prossime per consentire i lavori di movimento terra, applicando le disposizioni di cui all'art. 88, al fine di scavare le nuove fosse per dar luogo ad altre sepolture.
Le esumazioni straordinarie si fanno qualunque sia il tempo trascorso dal seppellimento, dietro ordine dell'Autorità Giudiziaria per indagini nell'interesse della giustizia o per disseppellire i cadaveri al fine di provvedere al loro trasporto in altre sepolture o alla cremazione.
Nel caso dì non completa scheletrizzazione della salma, il resto mortale dovrà essere trasferito preferibilmente in altra fossa nel campo indecomposti in contenitori di materiale biodegradabile, o in alternativa permanere nella stessa fossa di originaria inumazione del cadavere, oppure essere avviata a cremazione.
Per i resti mortali non completamente scheletrizzati da reinumare è consentito addizionare direttamente sui resti mortali stessi e/o nell'immediato intorno del contenitore particolari sostanze biodegradanti, capaci di favorire i processi di scheletrizzazione interrotti o fortemente rallentati da mummificazione o saponificazione, purché tali sostanze non siano tossiche o nocive, né inquinanti il suolo o la falda idrica. E compito dell'incaricato del servizio cimiteriale stabilire se i resti mortali sono o meno completamente mineralizzati.
Il tempo di reinumazione nel campo degli indecomposti viene stabilito in:

  1. cinque anni nel caso non si ricorra a sostanze biodegradanti;

  2. due anni nel caso si faccia ricorso all'impiego di dette sostanze biodegradanti.

Terminato il periodo di reinumazione si provvederà a scavare la nuova fossa quando ci sarà la necessità di inumare una nuova salma.

 

Allegati


Ultimo aggiornamento :
Martedì 17 Marzo 2015 18:28